Azienda Agricola Podere la Madia

L’Azienda Agricola Podere La Madia è una azienda a gestione e conduzione strettamente familiare collocata nel Val d’Arno di Sopra, in provincia di Arezzo, alle pendici del massiccio del Pratomagno.

Con circa 10 ettari di terreni, di cui 7 di olivete e 3 di vigneti, produciamo olio extravergine di oliva e vini  tipici del nostro territorio.

La responsabile, titolare e conduttrice dell’azienda è Lucia con la quale collaborano il marito Carlo e il figlio Giacomo.
Il tutto ha inizio nel 1996 con l’acquisto del primo terreno dotato di circa 150 alberi di olivo.
Successivamente abbiamo deciso di ampliare l’azienda acquisendo altri terreni, sempre impiantati ad olivete e successivamente anche dei vigneti.

Fino dall’inizio la conduzione della azienda è sempre stata attenta a rispettare criteri di concimazione e trattamenti rispondenti ai dettami del biologico, quindi non abbiamo mai fatto uso di concimazioni chimiche o trattamenti chimici per la difesa delle piante e/o dei loro frutti.

Poi abbiamo ulteriori scelte che ci hanno portato ad avere l’azienda certificata Biologico ma nel frattempo la nostra gestione colturale aveva avuto una ulteriore evoluzione dopo attenta osservazione delle nostre piante.
Abbiamo quindi abbandonato anche le concimazioni organiche ammesse nel biologico e siamo passati totalmente alla semina di leguminose e/o altre essenze a seconda delle necessità oltre a produrre compost direttamente dai residui legnosi e vegetali presenti all’interno della nostra azienda per creare un equilibrio armonico e autonomo senza apportare concimazioni basate su componenti che le erano estranei.

Come un bosco si autoalimenta e auto fertilizza in piena autonomia senza apporto di elementi estranei vogliamo che lo stesso avvenga all’interno della nostra azienda dove deve essere la forza della natura a prevalere.

Tutti gli anni, in zone diverse della azienda a seconda della necessità, si procede alla semina di favino, lupino, erba medica, trifoglio, veccia, ecc. oltre a triturare e restituire al suolo tutte le ramaglie delle potature sia delle viti che degli olivi.
Con questo metodo il suolo si arricchisce di humus, torna ad essere vivo, si riempie di forme di vita e le piante utilizzano le proprie radici per estrarre le sostanze nutritive di cui abbisognano per la loro crescita.

Nei nostri vigneti e nelle olivete abbiamo una presenza importante di coccinelle a dimostrazione dell’equilibrio ambientale che si è ricreato e sviluppato con la nostra gestione agricola.
La coccinella è quindi diventato il nostro animale portafortuna che abbiamo riprodotto anche sulle etichette dei nostri prodotti.

Con le nostre scelte di conduzione aziendale, nei vigneti, disposti su terrazzamenti, la quantità di lavoro è notevolmente aumentata, non si tratta di nulla di sconvolgente ma dobbiamo sempre essere presenti e seguire la crescita dei vigneti con cura settimanale, con lavorazione manuale sottofila per eliminare le erbe e sulle piante per defogliare (più volte, progressivamente) al fine di garantire la massima circolazione di aria all’interno onde  evitare la formazione di muffe e orientare lo sviluppo dei tralci al fine di aumentare la parete fogliare.

Grazie alla qualità elevata dell’uva che perviene in cantina possiamo ridurre a livelli assolutamente irrisori la quantità di solfiti aggiunti.
La presenza dei solfiti all’interno del nostro vino è a livelli minimi rispetto ai valori consentiti per legge per i vini normali e molto inferiore anche a quanto previsto per vini biologici.

Il nostro vino lo si produce nel vigneto, in cantina si attuano solo le procedure atte a seguirlo nel il suo affinamento e niente altro. Non effettuiamo nessuna chiarifica con sostanze di origine animale, per noi la chiarifica del vino è un processo naturale che si ottiene solo con il tempo, con sedimentazione naturale aiutata con l’azione del freddo invernale e eliminata con successivi travasi.

in vendita:shop Podere la Madia

Vino Bianco Vigna Cafaggio 2015 Toscano IGT Podere la Madia "Uno dei migliori vini bianchi del 2017 per Vinoalvino Lemillebolleblog"